E’ online il sito di Airprofessional

ARP619, Volo virtuale Nessun commento »


Appena nata fa parlare di sè. Infatti noi soci dell’Avio Club Virtuale di Padova non facciamo altro che parlarne.

I lavori sono ancora in corso ma tutte le parti fondamentali del sito sono operative: il modulo istruzioni, la pagina piloti (con le ore di volo), il deposito dei repaint (dove scaricare la livrea per il vostro aereo), e un paio di gallerie di immagini per farvi vedere quanto ci divertiamo.

Airprofessional è una linea aerea virtuale (Virtual Airline) riconosciuta dal circuito internazionale Vatsim e dalla risorsa italiana Vatita.

Andate a fare un giro, magari vi fa appassionare la volo virtuale: http://www.airpro.it

airprofessional

Il sito si rinnoverà

Annuncio, phpBB, web design 1 commento »

Sto lavorando ad una nuova veste grafica per questo luogo di ritrovo.
Comprenderà delle nuove sezioni soprattutto nella parte blog che ho sempre un po’ tralasciato :oops: ma che ora, con le molte news che avrò da dare ritornerà a coprire un ruolo importante.
Il blog verrà quindi riorganizzato (leggi “messo in ordine finalmente”) per poter ospitare informazioni su phpBB, il volo virtuale, serie tv, varie ed eventuali.
Devo ancora valutare la questione dell’unione dei due software (WordPress e phpBB) per la gestione utenti, in modo che con la stessa registrazione si possa commentare sul blog e scrivere sul forum. Sono ancora titubante perchè modificare un software è sempre una cosa da non prendere alla leggera, figurarsi due :argh:
Poi di norma quando un software viene aggiornato, l’altro magari non lo è e il bridge che li unisce va a campi :wpdd: per cui non è cosa da fare così, tanto per…

Un’alternativa che sto vagliando è quella di eliminare i commenti dal blog e usare un post del forum (come in questo caso faccio per prova) a quello scopo. Quindi dal singolo articolo del forum ci sarà un link diretto ad un post del forum dove potranno essere inseriti commenti. Questo non permette di usare account del tipo OpenID o simili, ma da più sicurezza.

Ultima novità, il tutto avrà sempre lo stile del Signore dei Canguri grazie all’apporto grafico del nostro fidato Stea, che è stato fondamentale anche nella realizzazione della livrea della nascitura Canguro Airways di cui abbiamo una diapositiva.. o quattro

cangu02cangu03

cangu07cangu08

Quindi tornate presto a controllare se ho lavorato o no.. e nel caso datemi una sveglia!! :rimpro:

:fiesta:

Addio Oreste

emozioni, Personale Nessun commento »
Oreste Lionello

Oreste Lionello

Ci lascia oggi Oreste Lionello, alla tenera età di 81 anni. Tenera perchè un bravo attore, comico e doppiatore dovrebbe vivere almeno 200 anni.

Fin da piccolo la sua voce ha segnato i miei momenti felici, nei panni di Groviera il topo e George Hautecourt ne “Gli Aristogatti”, poi da adolescente in tutti i film di Woody Allen, dando la voce al dott. Frederick Frankenstein in “Frankenstein Junior” (SI PUO’ FARE!!!!), oltre a Peter Sellers in “Il dottor Stranamore” di Kubrick.

Per chi fosse interessato a scoprire tutti (o quasi) i doppiaggi di Oreste, la sua pagina è qui.

Grazie Oreste.

The Eleventh Hour

serie tv Nessun commento »

undicesimaora

The Eleventh Hour è il remake della omonima serie inglese con Patrick Stewart (Il Picard di Star Trek).
Protagonista è lo scienziato Jacob Hood intepretato dall’attore inglese Rufus Sewell, meglio noto come il cattivo sul bel film “L’Illusionista” di un paio di anni fa, e dalla bella e bionda agente dell’FBI Rachel Young, interpretata da Marley Shelton.
Il Dottor Hood lavora come consulente scientifico dall’FBI, mentre Rachel Young è una vera e propria guardia del corpo: indaga su quelli che sembrano i risultati di esperimenti estremi nel campo della scienza e della tecnologia.

Dopo Hugh Laurie (House M.D.) e Damian Lewis (Life), Rufus Sewell è il terzo attore inglese che prende un ruolo da protagonista in una serie americana.

Siamo ancora qui.. per ora.

Annuncio, webufale Nessun commento »

Oggi il CERN ha acceso il Large Hadron Collider, il nuovo grande acceleratore di particelle che a detta di molti catastrofisti avrebbe distrutto il mondo per via di minibuchi neri che avrebbe generato.

Devo dire che ho trovato un buco su un calzino tra la biancheria che ho steso ad asciugare stamattina, solo che penso sarà difficile provare un diretto coinvolgimento degli scienziati del CERN.

Ora non ci resta che aspettare il 21 dicembre 2012 per la prossima fine del mondo.